Category Archives: Senza categoria

Senza categoria

Cosa deve contenere una buona maschera alla cheratina

Published by:

Gli ingredienti più comuni di una maschera alla cheratina

Sul mercato esistono numerosi brand che realizzano maschere alla cheratina, ma cosa contengono e che ingredienti non possono mancare in un prodotto del genere?

Iniziamo con l’ingrediente principale, ovvero il principio attivo che è la cheratina. Questa proteina importantissima deve essere presente nella maschera in una quantità che non sia irrisoria, altrimenti l’effetto desiderato non potrà essere ottenuto e la ricostruzione sarà poco efficace.

Si tratta di un aspetto importante, in quanto spesso vengono commercializzate maschere alla cheratina che sono quasi prive di questo ingrediente, quindi leggere bene l’etichetta ed assicurarsi che la cheratina sia tra i primi ingredienti è un buon segno, anche quando le percentuali precise non vengono riportate.

Oltre alla cheratina, in una maschera alla cheratina solitamente ci sono anche altri componenti che servono per idratare, nutrire e garantire altre proprietà benefiche a chi usa la maschera.

Tra questi gli oli naturali non mancano quasi mai e tra questi più utilizzati sono: l’olio di Jojoba, olio di Argan, olio di cocco, etc.

Non solo, oltre alla cheratina spesso una maschera alla cheratina può contenere anche collagene, acido ialuronico, oro micronizzato, estratti di piante, essenze naturali e via dicendo.

Ogni ingrediente solitamente ha una propria funzione, così la maschera alla cheratina riesce ad agire ad ampio spettro sui capelli e coprire tutti i bisogni dei capelli danneggiati.

Che tipo di maschera alla cheratina bisogna preferire

Sicuramente affinché possa essere ritenuta di buona qualità, una maschera alla cheratina oltre ad avere una quantità sufficiente di principio attivo deve contenere anche altri ingredienti naturali come quelli elencati in precedenza, inoltre la maschera deve risultare leggera, non deve appesantire i capelli quindi si devono preferire maschere senza parabeni e siliconi, conservanti e agenti schiumogeni che rendono i prodotti aggressivi ed anche nocivi per la salute dell’uomo.

È altrettanto importante fare affidamento solo su prodotti di qualità, che spesso viene rispecchiata anche dal prezzo di mercato che viene adoperato per la vendita del prodotto. Una maschera alla cheratina che costa un paio di euro difficilmente sarà leggera e in grado di garantire un’azione ristrutturante completa, quindi questo aspetto va tenuto in considerazione se si vuole ottenere dei risultati soddisfacenti.

Maschera alla cheratina: – tempo di posa

Non c’è un tempo di posa standard che riguarda ogni maschera alla cheratina, in quanto ogni produttore decide i tempi necessari in base alla formulazione ed agli ingredienti utilizzati per realizzare il prodotto. Infatti, alcuni ingredienti agiscono più in fretta rispetto ad altri e ci sono maschere che vanno tenute in posa per 1-2 minuti, mentre altre possono richiedere anche 20-30 minuti.

Comunque, mediamente la maggior parte delle maschere alla cheratina hanno un tempo di posa che va dai 3-4 minuti fino ad un massimo di 10 minuti.

Conclusioni

Un trattamento con una maschera alla cheratina può essere eseguito ogni volta che si hanno i capelli sfibrati, secchi, deboli, trattati, stressati ed in altre condizioni che richiedono un trattamento ricostruttivo.

Senza categoria

7 caratteristiche che un buon consulente SEO dovrebbe avere

Published by:

7 caratteristiche che un buon consigliere SEO dovrebbe avere

Ho incontrato molti esperti in consulenza SEO durante la mia carriera professionale. Non tutti hanno pensato la stessa cosa ed è curioso vedere come le strategie utilizzate da entrambi differiscono considerevolmente. Tuttavia, sono stato in grado di verificare come tutti quelli che considero un buon consulente SEO condividono tratti comuni.

Questi sono i requisiti minimi che ho notato quando considero collaborare con un consulente SEO, agenzia o freelance:

1 .- Solida conoscenza della programmazione web

C’è un infiniti fattori tecnici che influenzano il posizionamento di un sito web e che devono essere presi in considerazione per effettuare una buona consulenza SEO: prestazioni, errori javascript, la posizione degli elementi all’interno del codice … Un SEO che non è in grado di capire perché questi fattori saranno seriamente limitati quando si tratta di guidare uno sviluppatore a correggere ciò che pensa dovrebbe essere migliorato.

2 .- Conoscenza della ricerca di mercato

] Per essere in grado di posizionare una pagina all’interno di un settore, un consulente SEO deve essere in grado di immergere il settore e sapere che cosa sta cercando un utente che potrebbe essere interessato ai siti che stiamo cercando di posizionare, oltre a saper distinguere tra traffico irrilevante e traffico di qualità per quel particolare settore.

3 .- Sapere come strutturare il contenuto di una pagina

Ciò che è noto come contenuto SEO . Dove, come e perché posizionare un elemento qua o là, gestire correttamente la densità delle parole chiave. In breve, un consulente SEO deve sapere come rendere il contenuto di una pagina per aiutare il posizionamento.

4 .- Avere nozioni di usabilità

L’usabilità di un sito web influisce sulla percentuale di rimbalzo , al momento della permanenza sulla pagina e dell’intera user experience in generale, che ha un impatto (e probabilmente ha un impatto sul futuro) nel posizionamento. Molti consulenti SEO finiscono per diventare specialisti in CRO.

5 .- Essere aggiornati con le ultime notizie

Google introduce continuamente variazioni nei suoi algoritmi di posizionamento, così che i professionisti che si dedicano a questo mondo dobbiamo sempre essere informati di ciò che verrà.

6 .- Conoscere la differenza tra le diverse strategie di posizionamento

Soprattutto nei settori più competitivi. Non è la stessa cosa perseguire un posizionamento orientato verso un pubblico locale piuttosto che verso un pubblico internazionale. Né è lo stesso per cercare un posizionamento di Long Tail e Sort Tail. Sapendo quale strategia utilizzare in qualsiasi momento distingue qualcuno con conoscenza del SEO da un consulente SEO professionale.

7 .- Curiosità senza limiti

Il mondo del posizionamento nei motori di ricerca ha un sacco di ricerca, prove ed errori ed esperimenti per verificare l’impatto di determinate tecniche. Un buon consulente SEO dovrebbe essere qualcuno a cui piace investigare da solo (ora sono ossessionato dal miglioramento di Drupal SEO: D). SEO è solo appreso facendo SEO.

Cosa ne pensi? Pensi che un buon consulente SEO dovrebbe avere qualche altra qualità?

Senza categoria

Psicoterapeuta torino cognitivo comportamentale

Published by:

Ci sono molte persone che affrontano quotidianamente problemi di depressione, paura, ansia … Anche se molti di loro sono stati in grado di fare il passo di andare da uno psicoterapeuta per ricevere aiuto, ce ne sono molti altri che ancora sentono una certa “paura” di andare da uno psicoterapeuta a Torino. Anche se per fortuna sono sempre meno, ci sono ancora alcuni pregiudizi che fanno sì che molte persone non considerino nemmeno la possibilità di andare dallo psicoterapeuta.

 Ci sono molte scuse che vengono spesso utilizzate per evitare di andare da uno psicologo, anche nei casi in cui è necessario. non è strano sentire cose come “Non sono pazzo”, “Non ho intenzione di dire la mia vita a un estraneo”, “cosa saprà della mia vita se non mi conosce?”, “Posso solo esci da questo “… Dietro queste affermazioni paure, pregiudizi e falsi miti è importante abbattere.

Prima di tutto, andare da uno psicologo non ha niente da fare con “essere pazzo” . È semplicemente un professionista che può aiutarci a trattare problemi come ansia, depressione, disturbi come l’anoressia … Se non esitiamo ad andare dal medico quando ci sentiamo male, perché non farlo quando abbiamo bisogno di aiuto di un altro tipo?

D’altra parte , è importante ricordare che lo psicologo non ci giudicherà, né fare commenti sulla nostra vita : è un professionista e in quanto tale, ci aiuterà a superare i problemi che affrontiamo, da un punto di vista obiettivo e con uno scopo: aiutarci a superare i nostri problemi offrendoci il trattamento più appropriato.

Inoltre, non dovrebbe sembrare una sconfitta dover ricorrere a uno psicoterapeuta, non è che non sia autosufficiente o incapace di gestire i loro problemi, tutt’altro. A volte, l’aiuto di un professionista è necessario per affrontare determinati problemi. Il punto di forza è di aiutare.

Non c’è dubbio che, per molte persone, fare il passo e decidere di andare da uno psicologo può essere complicato, infatti, i mesi possono passare poiché l’idea passa attraverso la testa di una persona fino a quando decide di andare.

 

  • Per scegliere bene a quale professionista rivolgersi, è importante fidarsi della persona che sta andando per curarci
  • Ricerca di riferimenti su un buon professionista
  • Essere convinto: è inutile andare dallo psicologo se non sappiamo cosa vogliamo fare.
  • Fai il passo dopo una riflessione riflessiva. Inutile andare dallo psicologo perché la nostra famiglia ci dice ogni giorno, perché è “ciò che tocca” o il risultato di un impulso. Tieni presente che il trattamento richiede un certo “sforzo” e per questo è importante essere convinti.

Naturalmente, è molto importante che, una volta che una persona decide di andare dallo psicologo per ricevere il trattamento appropriato, avere il sostegno dalla sua famiglia e dai più vicini . Mostrare approvazione, offrire ogni tipo di aiuto necessario o cose così semplici come accompagnare la persona alla consultazione può essere di grande aiuto.

Anche se sempre più persone lasciano dietro pregiudizi e “falsi miti” “Al momento di andare dallo psicologo, ci sono ancora quelli che hanno i loro dubbi al momento di fare questo passo. Fortunatamente, la presenza sempre più frequente di psicologi nella stampa, in televisione o nei social network ha contribuito a smantellare i pregiudizi e molte persone si rivolgono allo psicologo come qualcosa di abbastanza usuale .

Senza categoria

Tendenze 2018 sposa Acconciature

Published by:

Tendenze 2018 sposa Acconciature

Siamo abituati a vedere spose con pettinature molto elaborate durante i loro matrimoni. Sebbene questo sia prezioso, la tendenza per il prossimo 2018 è l’opposto: i capelli naturali sono preferiti, come se l’aria li avesse leggermente disturbati, più acconciature libere e tagli di capelli e paraffine semplici e persino inesistenti che puoi scoprire tra i consigli di https://www.trendfashion.it/acconciature-da-sposa-indecisa-ecco-100-foto-e-tendenze/

Il taglio carré . La base del carré è il taglio normale e attuale, solo che spicca all’altezza del mento e la frangia è diritta e spessa, ma non corta. Questo taglio di capelli è particolarmente buono per le donne con facce ovali o triangolari, ma non così bene per le ragazze con una faccia molto rotonda o quadrata, con mascelle prominenti, perché le accentuerà solo. Sarai fantastico con un tipo di velo vintage .

The sembra casual . Il comune denominatore della maggior parte delle acconciature da sposa che calpesteranno il prossimo anno sarà l’informalità: non cercare aspetti rigidi, immobili, quasi artificiali. L’idea, tuttavia, è che sembra qualcosa che hai fatto da solo a casa, con ciocche esterne, capelli spettinati, anche, ma sì: molto affascinante.

The hair contouring . Se il contornamento del viso ha causato un vero furore tra celebrità e fan al maquillaje, ora lo fa hair contouring . L’idea può essere immaginata: si tratta di creare sfumature nei capelli, giocando con la luce e l’oscurità per dare volume e, al viso, un effetto più ovale. Sulle passerelle lo abbiamo visto, soprattutto, con la combinazione marrone chiaro, cenere e bionda, ma il tuo parrucchiere ti consiglierà in base al colore dei tuoi capelli.

Semplici copricapo e svelati . Siamo rimasti colpiti dall’assenza di veli o coperte nelle ultime sfilate da sposa che hanno mostrato tendenze per il prossimo anno. Forse a causa dell’influenza del minimalismo di le spose millenarie il prossimo anno si concentrerà piuttosto su semplici copricapi che decorano semplicemente i capelli con alcune appliques, con una fascia sottile o, al massimo, con un semplice corona di fiori .

La linea nel mezzo. Avete notato che molte delle spose dell’ultima Barcelona Bridal Week hanno preso la linea al centro? Amiamo questa tendenza, perché spaccare i capelli è molto ringiovanente, quasi infantile e ti darà un aspetto etereo e angelico . Se hai i capelli lisci, puoi anche scommettere, lasciandolo libero, naturale. Se lo hai arrotolato, autorizzalo con prodotti adatti a definirli.

The long bangs . I tagli di capelli non saranno diritti o con la frangia: l’idea è di essere sfilata di fronte, quindi puoi giocare con quelle lunghe ciocche, come una vasta frangia. Puoi giocare con loro se lasci i capelli sciolti, ondulandoli un po ‘o se vuoi dare loro risalto in un pick-up.

Il biondo platino. I più famosi si stanno arrendendo al fascino del platino biondo: Cara Delevingne, Blanca Suarez o Jessa Johansson sono alcuni di loro. Questa tendenza è rimasta ed è molto bella soprattutto per le donne con la pelle molto pallida e gli occhi chiari, perché dà loro un tocco nordico. Certo, è un tono che richiede molta cura, quindi mimetizzalo bene in modo che i tuoi capelli non vengano danneggiati o perdano il loro splendore.

Semi-raccolti con cardatura discreta . Sollevare la parte superiore dei capelli con un po ‘di cardatura è un classico che non passa mai di moda e ritorna con forza per il prossimo 2018. Ci piace con semi-raccolti nella zona della corona, con fili sciolti in una fila per il significa. Ornalo con una fascia nella separazione tra le frange e quella raccolta e lascia i capelli sciolti in onde abbastanza larghe.

Senza categoria

Miglior psicoterapeuta a Torino

Published by:

I disturbi psicologici sono all’ ordine del giorno. Noi tutti conosciamo qualcuno che ha sofferto, non importa quanto leggero. O anche noi potremmo essere stati quelli che hanno sofferto o soffrono di psicopatologie oppure che ci rivolgiamo a uno psicoterapeuta Torino.Viviamo in tempi difficili, anche se ciò non significa che gli altri tempi siano stati facili. Ieri l’ autoritarismo dei poteri, le epidemie o l’ intolleranza religiosa hanno reso difficile vivere nel mondo. Oggi ci troviamo in un ambiente molto più democratico e con maggiori strutture per affrontare la vita quotidiana.

Al contrario, siamo ora esposti a nuove e innumerevoli difficoltà derivanti principalmente dal ritmo di funzionamento del mondo, dal sovraccarico di stimoli esterni e dal sovraffollamento delle città. Tutto questo impone molte sfide alla mente, e non siamo sempre in grado di superare con successo queste realtà.
“Il dolore mentale è meno drammatico del dolore fisico, ma è più comune e anche più difficile da sopportare”.
C. S. Lewis-

Mai prima d’ ora siamo stati così esposti ai disturbi della mente e delle emozioni come siamo ora. La malattia mentale è aumentata significativamente negli ultimi anni e non vi sono segni di arresto del suo aumento.

I disturbi psicologici sono molti e vari. Ma, secondo diversi studi, questi sono i disturbi psicologici con la più alta incidenza degli ultimi anni.

Disturbi dell’umore

Sono definiti come l’ insieme di emozioni sostenute che definiscono l’ atteggiamento nei confronti della vita. Sono come il colore con cui dipingiamo situazioni. E oggi ci sono molte persone nel mondo che hanno scelto il grigio.

La depressione è il disordine più diagnosticato nel mondo e la seconda causa principale di assenteismo sul lavoro in tutto il mondo. Può causare non solo sintomi psicologici ma anche fisici, e può addirittura diventare cronica.

Così, i casi di “depressione maggiore” sono sempre più ricorrenti, uno stato d’ animo in cui la tristezza non si ritira, e c’ è una costante sensazione di stanchezza, difficoltà di concentrazione e disturbi che cadono addormentato o mantenere riposante sonno. Un problema serio che riguarda tutti gli aspetti della vita quotidiana.
Disturbi della personalità

La personalità comprende tutti quei tratti che sono specifici di ogni individuo e che definiscono il suo comportamento sul piano sociale. Negli ultimi tempi si è registrato un aumento significativo dei problemi in questo settore.

È aumentato il numero di personalità antisociali. Sono persone che non seguono le regole, che non hanno alcun rispetto per gli altri e non provano alcun rimorso. In caso contrario, sarebbe molto difficile cercare di spiegare alcuni fenomeni come gli abusi, per esempio.

Sono aumentati anche i casi di “personalità borderline”, caratterizzati da impulsività, instabilità, difficoltà di gestione della rabbia e forte paura dell’ abbandono. Questo disordine sarebbe alla base della forte crisi della coppia che vive oggi in alcune relazioni.

Disturbi alimentari

Il cibo è diventato una questione problematica per il mondo contemporaneo. Piuttosto che un disagio associato al culto della bellezza o all’ invasione della società dei consumi, i problemi alimentari esprimono importanti contraddizioni nel legame che è stato costruito con la madre.

In generale, questi tipi di disturbi psicologici riflettono un modo di ribellarsi contro l’ eccessivo controllo, l’ abbandono o la mancanza di amore. Problemi come l’ anoressia e la bulimia, i due disturbi alimentari più comuni, sono più comuni nelle donne.

Disturbi psicologici dell’ ansia

L’ ansia è una risposta naturale agli stimoli stressanti, ma può diventare un disturbo molto grave. In questa categoria sono raggruppati insieme vari problemi che hanno in comune la presenza di una profonda angoscia, che non cede in modo naturale e che riesce ad ostacolare il normale sviluppo della vita di una persona.

 

L’ ansia si manifesta in molti modi: come ossessioni su cui non si ha alcun controllo; come accessi di orrore e impotenza in situazioni che non sono minacciose da sole; come sensazioni fisiche in cui si sperimenta un vuoto insopportabile; o come fobie ad oggetti irrilevanti o assurdi. Possono persino verificarsi attacchi di panico.
“Emozioni inespresse non muoiono mai. Sono sepolti vivi ed escono più tardi in modo peggiore”.
Sigmund Freud.

Tutti questi problemi hanno aumentato la loro prevalenza e sono in aumento. La situazione è preoccupante, soprattutto considerando che la maggior parte di essi rimane senza cure specialistiche e che quelli indicati sono solo una parte dei disturbi psicologici che possono verificarsi.

Senza categoria

Cambiano le abitudini degli italiani sul caffè?

Published by:

Cresce l’offerta del caffè in cialde e capsule e sempre più italiani preferiscono le macchine da caffè automatiche al bar

Macchine del caffè sempre più economiche e vantaggiose offerte di comodato d’uso hanno permesso alla maggior parte delle nostre case di essere dotate di una macchina da caffè in cialde o capsule automatica. La mancanza di tempo e il bisogno sempre più impellente di praticità sta rendendo la moka, la caffettiera tradizionale, obsoleta.

Pochi sanno che l’origine del suo nome, Moka, scelto da Luigi De Ponti e Alfonso Bialetti nel lontano ’33, si ispira alla citta dello Yemen Mokha, tra le più antiche aree di coltivazione produzione di caffè arabico. Il prodotto dal design industriale tutto italiano, riconoscibile in tutto il mondo e già presente nella collezione permanente del MoMA di New York e della Triennale Design Museum di Milano, potrebbe diventare tra pochi anni un vero e proprio pezzo da museo.

Le nuovissime e scintillanti macchine da caffè automatiche, non sono più semplici elettrodomestici ma complementi d’arredo, soggette ai trend dell’home design. La praticità è la velocità con cui si può preparare il caffè in ogni momento della giornata ha sicuramente favorito la sua diffusione, ma anche il sapore del caffè espresso come quello che si trova al bar ha ampiamente contribuito.

Le miscele di caffè tostato infatti, nonostante il costo medio al kg di soli 10€, nettamente inferiore i 48€ al kg delle capsule, registrano un calo nelle vendite. Se già nel 2013 il caffè in capsule veniva visto come un fenomeno, oggi è una vera e propria esplosione. I primissimi in quegli anni a cavalcare l’onda del +20% annuo di fatturato sono stati sicuramente Lavazza e Nespresso, del gruppo svizzero Nestlé. Mentre le miscele per caffettiera, i grani, il caffè solubile, registravano un sensibile calo del -9%.

Allineati a questi trend positivi sono anche i consumi ai distributori automatici, utilizzati da 30 milioni di italiani, che uniti ai fruitori di caffè in capsule, generano un fatturato annuo di oltre 3,4 miliardi di euro, +3,1% rispetto al 2014.

Dai dati Iri del 2013, il mercato del caffè era dominato per il 65% dai 3 principali player di settore. Negli anni a seguire però la competitività del settore è decisamente aumentata, riducendo il predominio del mercato dei maggiori player dal 69,8% del 2014 al 69,2% del 2015.

Molti rivenditori di capsule e cialde per caffè hanno infatti spostato con successo il loro business verso la realizzazione e la vendita di capsule compatibili a marchio proprio. I consumatori abituali di caffè porzionato non sono più fidelizzati come un tempo e sono sempre più propensi a provare nuove miscele grazie all’opportunità di poter impiegare la propria macchina con capsule non originali.

Il potere acquisito negli anni da Lavazza, Nespresso, Illy, Necsafé, viene destabilizzato principalmente dai competitor online, che propongono scontistiche vantaggiose e prezzi competitivi. Anche i canali di vendita più tradizionali come OCS (Office Coffee Service), risentono di questa competitività senza confini, che permette di acquistare liberamente online.

Come già detto, le principali case di produzione di caffè in capsule che registrano aumenti del +20% di anno in anno sono solo 6. Lo scorso anno Nescafè Dolce Gusto si è affermato il miglior player, con un incremento del +34%, a seguire Caffè Borbone, Caffitaly System, Caffè Vergnano e Nespresso.

Ma emerge anche una nicchia di oltre venti aziende molto competitive, che propongono con successo cialde e capsule compatibili Nespresso}, Lavazza o Dolce Gusto, a marchio proprio. L’obiettivo di queste aziende è quello di offrire una miscela di alta qualità impiegabile senza essere vincolati dalla forma e dalla tipologia di capsula, ma un altro grande punto di forza è la produzione di capsule biodegradabili.

Jean-Paul Gaillard, ex Ceo di Nespresso, oggi fondatore di Ethical Coffee Company, utilizza il termine disastro parlando del riciclo delle bellissime e coloratissime capsule in alluminio che sono l’emblema e la forza del colosso Nestlè.Ognuna contiene solo 5-6 g di caffè e richiede 500 anni per decomporsi. Nonostante l’alluminio sia riciclabile all’infinito, non bisogna sottovalutare in primis i costi di estrazione dal minerale, e poi la pulizia, l’asciugatura e lo smaltimento delle capsule.

Sempre più persone oggi sono sensibili al packaging sostenibile e decidono di conseguenza di acquistare da altri produttori, senza rinunciare al caffè espresso a casa propria o in ufficio.

Senza categoria

Come ottenere una bella acconciatura senza difficoltà

Published by:

Con acconciatura si intende il modo in cui vengono presentati i capelli. Avere un taglio ed una acconciatura di bell’aspetto è importante, perché i capelli sono uno degli elementi che determinano l’aspetto complessivo della persona.

Tutte le ragazze e le donne hanno come desiderio quello di avere una pettinatura che sia semplice da fare, ma che al tempo stesso possa mettere in mostra gli aspetti migliori del corpo e mettere in luce la bellezza e l’eleganza della persona.

In questa guida vediamo come ottenere una bella acconciatura senza sforzo. Questa pettinatura si baserà sulla coda di cavallo, conosciuta sicuramente da tutte le donne. Si tratta di una pettinatura tradizionale, ma che non passa mai di moda e che infatti è stata riproposta anche fra le ultime tendenze del momento.

Il primo passo è quindi fare una classica coda di cavallo. Questa può essere fatta su tutti i tipi di capelli, a patto che essi siano medi o lunghi. La coda non può infatti essere utilizzata dalle donne che hanno un taglio corto: esse non potranno fare la coda, ma sarà lo stesso taglio corto a mettere in risalto i loro lineamenti, senza la necessità di fare ulteriori acconciature.

Una volta ottenuta la tradizionale coda di cavallo, essa può essere modificata e personalizzata. Questo passaggio è importante perché consente di ottenere una acconciatura originale, sebbene il punto di partenza sia una classica coda.

Proprio per il fatto che questa pettinatura può essere modificata e personalizzata, la coda non deve essere ritenuta banale. Alcune donne la considerano tale, ma si tratta di un errore, perché non solo la coda non è banale, ma potrebbe rivelarsi la soluzione perfetta per molte situazioni.

Vediamo alcuni modi per personalizzare la propria coda di cavallo:

  1. Scegliere se utilizzare tutti i capelli o se lasciare alcune ciocche libere per dare un tocco di originalità ed avere un aspetto diverso dal solito.
  2. Scegliere se fare una coda di cavallo alta, oppure se legare i capelli a media altezza.
  3. Scegliere se ottenere una coda centrale, oppure se spostarla da un lato per un look alternativo.
  4. Scegliere fra una coda di cavallo con capelli perfettamente lisci e una coda con capelli leggermente arruffati. Il messy, se nella giusta dose, può essere la marcia in più della propria acconciatura, ma bisogna fare attenzione a non calcare troppo la mano.

Scegliendo a proprio piacimento le caratteristiche della coda di cavallo tra quelle appena elencate sarà possibile ottenere in pochi minuti una semplice ma bella pettinatura.

Senza categoria

Divani moderni e multifunzione per il tuo salotto

Published by:

divano moderno

L’ altro giorno passeggiando per le strade del centro sono rimasto stupito da alcuni modelli di Divani Moderni esposti nelle vetrine di un negozio di arredamento, ma non ero stupito per via della loro bellezza ma da quanto funzionali possano diventare e dall’ uso esclusivo che può essere dato ad un divano che in un primo momento è destinato solo al riposo, ma è che quello che ho visto (e mi è piaciuto scoprire) c’ è molto di più.

Sembra anche che ci siano molti designer che si avventurano per costruire questo tipo di divano perché ci sono molti disegni e molto diversi per forma e funzionalità, qualcosa che mi fa pensare che non avrete nessun problema a trovare quello migliore per andare nel vostro soggiorno e con la vostra decorazione.

divano multifunzionale

Se avete un Ikea nelle vicinanze potete trovare anche diversi disegni e modelli di divani multifunzione così se siete alla ricerca di un divano di questo stile, questa azienda sarà anche una buona idea per trovarlo. Anche se sono sicuro che in altri negozi di mobili si possono trovare anche grandi disegni.

Ma ci si può chiedere che tipo di funzionalità possano avere questi divani, perché il primo e più importante è lo storage. Ci sono molti disegni di divano che solleva la parte seduta per avere un vano portaoggetti che certamente deriva da scandalo per essere in grado di mantenere tutto il necessario per avere la casa ben piastrellato in ogni momento senza spazzatura attraverso.

Altre funzioni che si possono trovare nel mercato, ad esempio, è che un divano diventa un letto, qualcosa noto a tutti come il divano? Ma ci sono anche modelli di divano che hanno tavoli da incasso, ripiani, cassetti sui lati per contenere oggetti che si desidera avere a portata di mano come telefoni cellulari o telecomandi.

Quale sarebbe la migliore funzione che un divano di questo tipo dovrebbe avere per voi?

I giorni in cui tutto quello che potevamo scegliere erano divani in colori neutri come il nero o il marrone, sono rimasti nella storia. Ogni giorno il colore inonda sempre di più, in tutto ciò che riguarda l’ arredamento d’ interni e possiamo indulgere non solo con uno spettacolare divano per il nostro soggiorno, ma anche in un arredamento di massimo comfort. Oggi abbiamo suggerimenti bellissimi da considerare, quando si decide di cambiare il divano questa primavera estate o quando si sta decorando la vostra casa per la prima volta, è possibile investire in un divano che non solo sembra bello, ma è durevole.

Il rosso è un grande colore, in molte culture è considerato il colore dell’ amore e della passione, ma è anche considerato il colore dell’ ottimismo, dell’ entusiasmo e della forza. Così un colore così intenso e accattivante da poter essere combinato con molti altri, convertito in divano, è un pezzo di arredo che si può utilizzare per trasformarlo in protagonista del soggiorno, combinandolo con altri mobili in colori come il bianco e il nero.

In alcuni anni della metà del 20 ° secolo, mobili acquisito colore grande, si poteva vedere tendenze di colore che erano inclinati dal giallo o verde, tra gli altri colori potenti. Anche se a partire dagli anni’ 70, gli stessi caddero in disuso, a causa dell’ ascesa di una decorazione più sobria e chic, ora è possibile anche godere di combinazioni cromatiche come il giallo con tessuti stampati in colori contrastanti come il blu e il bianco.

E cosa dire di viola che domina il mondo della moda, può essere solo un colore influente nel mondo della decorazione. Questo bellissimo divano sarà molto ammirato nel soggiorno della vostra casa, e si fonderà perfettamente con l’ ambiente decorativo della vostra casa.

Senza categoria

Decidere Di Ripararlo è Spesso Un Buon Investimento

Published by:

Anche per la lavastoviglie valgono gli stessi consigli delle lavabiancheria: evitare di risaldare l’acqua con l’elettricità, riempire completamente l’apparecchio prima di utilizzarlo e preferire i sistemi di lavaggio “ecologici”. Usa il decalcificante ad ogni lavaggio. Possono garantire elevate prestazioni ed un corretto lavaggio di tutti i capi. Da noi troverete tutti i ricambi folletto, originali e garantiti, gli unici in grado di assicurare la perfetta efficienza degli aspirapolveri folletto e di mantenerne elevate le prestazioni. Ecco quindi alcuni consigli e accorgimenti per migliorare le prestazioni e limitare i consumi d’energia di frigorifero, forno, condizionatore, lavatrice e lavastoviglie. Il centro è anche rivenditore e assistente autorizzato per tutte le cappe Faber. Avere in casa un televisore guasto o la lavastoviglie rotta è infatti la molla che ci spinge a cercare un centro per la riparazione di elettrodomestici o a trovare un negozio ben fornito dove acquistarne di nuovi. Svegliarsi con il naso chiuso, avere gli occhi che lacrimano in continuazione e soffrire di starnuti e colpi di tosse improvvisi non è certo piacevole.

elettrodomestici

D a oltre 20 anni forniamo ASSISTENZA TECNICA per riparazione e manutenzione di tutti gli elettrodomestici. Ora vogliamo raggiungere un nuovo obiettivo: avviare una campagna di informazione e sensibilizzazione verso i nostri clienti per il recupero dei metalli preziosi contenuti nei rifiuti elettronici (cellulari, carica batterie ecc). L’ staff è in grado di individuare l’entità del guasto presente sull’elettrodomestico individuando la soluzione migliore (pulizia di parti meccaniche, ricambio ecc.).

La cosa migliore è mantenerlo pulito sempre, passando di acqua e aceto dopo ogni uso. Per eventuali depositi di detersivo passa uno straccio inumidito con acqua e aceto bianco. Fondamentale risulta essere l’uso di buoni prodotti anticalcare ad ogni lavaggio, oppure, in caso di detersivi naturali, l’aggiunta di un cucchiaio di aceto bianco o di bicarbonato di sodio direttamente nella vaschetta. Nel caso di piccoli elettrodomestici, il cliente è invitato a recarsi presso il centro assistenza e richiedere personalmente una riparazione.

  • Lavatrici (Regolamento Ue 1061/2010);
  • Dal 1/1/2018 classi da A++ a E;
  • Consumo energetico nei modi spento e lasciato acceso (Po e Pl);
  • – Frigorifero con uno o più scomparti per la conservazione di alimenti freschi
  • Cambio dei filtri o delle guarnizioni
  • Verificare lo stato del tubo in gomma
  • Tennis da tavolo ping pong

In ogni caso abbiamo visitato i loro siti in modo che le informazioni tecniche derivino dalla fonte principale, senza possibilità di errori. Entrare in questo negozio significa essere serviti dalla professionalità e dall’esperienza di un personale di valore. L’impresa si occupa dell’installazione e manutenzione impianti di riscaldamento, condizionamento e solari con servizi di qualità grazie al personale qualificato ed esperto. Una corretta manutenzione della lavatrice nel tempo può evitare fastidiose perdite d’acqua e svariati danni al resto della casa. L’esperienza, maturata in più di 20 anni, fa della nostra azienda Coppola Elettrodomestici una realtà affidabile e sicura per la riparazione degli elettrodomestici di casa tua. Nello sconfinato mondo degli elettrodomestici, in questa trattazione approfondiremo tre piccoli articoli: gli aspirapolvere e robot, le macchine da caffè e i forni a microonde. Sempre più diffuse le macchine per il caffe in cialde. La locuzione “manutenzione periodica” serve per racchiudere un elenco più o meno breve di attività da svolgere con regolarità e precisione, per ottenere tutti i risultati di cui sopra.

Decidere di ripararlo è spesso un buon investimento, che vi garantirà il ripristino del vostro dispositivo in breve tempo con un contributo economico irrisorio. Telefona, mandaci un fax, una mail o vieni pure in negozio: ti accoglieremo a braccia aperte e ti procureremo i ricambi elettrodomestici di cui hai bisogno. De Carli è un centro assistenza elettrodomestici multimarche, da oltre 20 anni al servizio della clientela del territorio di Bergamo – vanta un’esperienza notevole nella riparazione di lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, cucine a gas, forni da incasso, piani cottura. Si occupa inoltre di riparazioni di elettrodomestici di tutte le marche. Frigoriferi: prendono sempre più piede anche in Italia i frigoriferi a doppia porta che, compatibilmente allo spazio (e al budget) a disposizione, integrano frigorifero e un congelatore di grande capienza in un’unica soluzione. Il frigorifero va sbrinato quando lo strato di ghiaccio non ha ancora raggiunto un cm di spessore. I servizi di assistenza si distinguono in base al prodotto.

Assistenza per gli elettrodomestici: a chi spetta negli appartamenti arredati? Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas a tutti i clienti domestici con “servizio di maggior tutela”. L’ampio magazzino dell’impresa ligure viene costantemente rifornito di nuova componentistica, per garantire al pubblico la massima disponibilità di parti di ricambio. Utilizzo di pezzi di ricambio nuovi e rigorosamente originali. Se vuoi stare tranquilla controlla che la clausola sia scritta nel contratto di vendita: se non c’è vuol dire che il rivenditore non è in regola» suggerisce l’esperto. Il banchi dei negozi specializzati e dei centro commerciali, ma spesso anche la nostra cucina, sono ormai popolati da una miriade di apparecchi detti “piccoli elettrodomestici“, che aiutano nella preparazione di alcuni cibi. Ecco un elenco dei principali utilizzabili in cucina, raggruppati per categorie. Lo staff fornisce tutte le indicazioni necessarie, indispensabili per una valutazione attenta dell’elettrodomestico. Oppure una vaporiera, una bistecchiera, un frullatore per preparare la cena?

Per ulteriori informazioni su Ricambi originali Vorwerk Folletto gentilmente visitate il nostro sito.

Senza categoria

foto gallery

Published by:

Il Nucleo redazionale incaricato dal MIUR di procedere alla revisione delle “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione”, ha divulgato, in data 30 maggio 2012, la bozza che ha consegnato alle istituzioni scolastiche per la consultazione e per ricevere osservazioni entro il 30 giugno. Una scelta sicuramente apprezzabile anche se, su una questione tanto delicata, sarebbe stato necessario avere a disposizione tempi più distesi per la revisione e per la consultazione.

L’AIMC si è adoperata per offrire il proprio contributo di riflessione sulla bozza ministeriale, che è stata anche fatta oggetto di attenzione e dibattito nella seduta congiunta del Consiglio nazionale e della Conferenza dei presidenti regionali, svoltasi a Firenze il 30 giugno e il 1 luglio u.s., nella consapevolezza che solo successive scelte ordinamentali coerenti potranno consentire alla scuola di operare in conformità con le nuove Indicazioni nazionali.

Riportiamo in apertura di questo numero di Notes il documento che la presidenza nazionale AIMC ha presentato al MIUR, recante le Note relative alla bozza. Un documento che presenta una serie di “punteggiature” – segnalate in corsivo – in cui l’Associazione ha evidenziato, come esito di una prima lettura, libera da precomprensioni, motivi di apprezzamento e punti di criticità. Un primo approccio “a caldo” da parte dell’AIMC con l’impegno ad attivare, nel prossimo futuro, un concreto accompagnamento alla scuola, chiamata in causa a testare e a mettere alla prova le nuove Indicazioni.

In chiusura, è presentato il documento che il Coordinamento nazionale per le politiche dell’infanzia e della sua scuola ha diramato al fine di ribadire l’“originalità” della scuola dell’infanzia italiana, che ha ricevuto riconoscimenti internazionali e rappresenta un qualificato contesto di apprendimento. Un’azione ritenuta opportuna dalle associazioni professionali e dalle sigle sindacali in esso rappresentate, per prevenire eventuali provvedimenti legislativo/ordinamentali che ne snaturerebbero finalità e assetto organizzativo.

fonte